 PressPool ufficio stampa digitale

il giornalista freelance

Cari colleghi,

facile identificarci all'estero, soprattutto nei Paesi più evoluti del nostro, basta la parola: giornalista "freelance". Parola che evoca libertà, coraggio, spirito d'avventura, abnegazione, ma soprattutto fedeltà al proprio ideale, alle ragioni che lo sospingono ad un'arte così meravigliosa e al contempo così difficile. Il professionista dell'informazione è l'occhio vigile della società, colui che fotografa la realtà, non importa con quale mezzo. E' "il controllore".

In questi Paesi a cosiddetta "democrazia compiuta", dove esiste editoria pura, è considerato il giornalista per eccellenza ma non lo è nel nostro, dove questo termine non è compreso, suscitando tutt'al più considerazioni tra il benevolo e l'ilare. Da noi il controllore è controllato, anzi è abolito o peggio, la categoria non esiste, non essendoci alcuna legge che lo salvaguardi per la funzione che espleta, così delicata per la stessa democrazia.

La nostra associazione vuole rifarsi a quest'ideale. Siamo i figli di nessuno, coloro che credono nel proprio lavoro e nel ruolo affidatogli da una seria professione. Coloro che cercano di sopravvivere all'umiliazione di non avere padrini, che si aggrappano alla propria professionalità e dignità.
Non pretendiamo d'avere l'esclusiva, non sappiamo se vi siano altre associazioni come la nostra e se vi sono, che siano le benvenute. Il nostro impegno è quello di contribuire a costruire la casa comune perché i "desaparecidos" prendano coscienza che un giorno potrebbe essere accordato loro ciò che la ragione ancora gli nega.

E veniamo a noi. La nostra associazione è stata fondata con atto notarile da dodici colleghi pubblicisti, compreso il sottoscritto, nel gennaio del '94, quindi più di venti anni fa. In un primo tempo lanciammo accorati appelli a ordine e sindacato dei giornalisti perché fosse presa nella giusta considerazione sia la dignità economica, che la professionalità dei giornalisti autonomi, ma alle promesse non seguirono mai i fatti. Decidemmo così di non partecipare più alle loro riunioni e di andare avanti con le nostre gambe, essendo sempre più evidente l'asservimento delle istituzioni create per l'informazione ai colleghi dipendenti dell'editore. Oltretutto le nostre posizioni erano divergenti: siamo per l'abolizione dell'ordine dei giornalisti, un "unicum" al mondo. A nostro modesto parere è più che sufficiente iscriversi alla camera di commercio, previo piccolo esame per essere a conoscenza delle norme che riguardano l'informazione, prendere la partita iva e operare, al resto potrebbe pensarci più che egregiamente in nostro codice penale. Per noi, non c'è bisogno di appartenere ad un ordine, perché nel nostro lavoro esprimiamo delle idee, delle considerazioni (art. 21 della Costituzione), non firmiamo un progetto di cui ne siamo i responsabili. Siamo contrari ai finanziamenti pubblici all'editoria, strumento dei politici per condizionare l'informazione che falsa il mercato, mettendo a tacere coloro che non hanno la fortuna di avere tale elargizione. Avremmo tenti altri argomenti per i quali discutere, ma non è questa la sede adatta.

I giornalisti freelance gravitano nel lavoro autonomo, dove vige la professionalità effettiva, ma non sono tutelati da un contratto come quello che hanno i giornalisti alle dipendenze dell'editore, solitamente legato ai politici per via dei finanziamenti pubblici, e che pomposamente amano ed esigono essere chiamati giornalisti professionisti in quanto iscritti all'albo. Nel lavoro del giornalista freelance c'è l'alea del guadagno, non la sicurezza di un contratto, per cui è giusto che venga fatta una legge che ne tuteli la dignità economica, cosa che a tutt'oggi è lungi dall' avverarsi. Non ci facciamo illusioni, la filiera dell'informazione è voluta in questo modo per poterla controllare: un giornalista che faccia veramente informazione sarebbe scomodo. Da noi non esiste libertà di stampa come vogliono farci credere. Se ci fosse stata veramente, se fosse stato dato modo ai giornalisti di fare veramente il loro mestiere, probabilmente non ci sarebbe l'attuale condizione di degrado del Paese, in tutti i sensi. Da 14 anni organizziamo annualmente un premio sui diritti umani per ricordare il nostro vice presidente Antonio Russo, ucciso in Georgia mentre indagava sulle terribile tragedia cecena, si presume dai russi, ma poco se ne parla: forse l'ordine non ne vuole parlare perché non iscritto, o forse contro l'Egitto per il caso Regeni si può alzare la voce ma contro la Russia, che ci da gas e petrolio, è più comodo abbassare i toni? Antonio, che era un valente giornalista, pluripremiato per la sua coraggiosa professionalità, il cui nome figura tra i martiri ad Arligton, negli USA, nel memorial dedicato all'informazione nel mondo, non aveva il tesserino dell'ordine: non perché non avesse potuto ottenerlo, ma perché si rifiutava di appartenere ad una corporazione fine a se stessa.
Tolgono sangue (denaro) a chi ne ha poco (i freelance) per darne a chi ne ha molto in cambio del nulla, mi riferisco a ordine, sindacato e Inpgi, la previdenza, la cui gestione per anni è stata a dir poco discutibile. Non vogliamo avere nulla a che vedere con queste sovrastrutture anche se, purtroppo, ne dobbiamo rispettare le regole, ma non ci rispecchiamo assolutamente in queste. Il nostro modo di intendere l'informazione è senza ma e senza però.

Come nella miglior tradizione, anche tra i giornalisti, ogni qual volta si è in vista di elezioni di organi istituzionali, soprattutto dell'Inpgi, la cassaforte di noi giornalisti, si formano cordate, gruppi e sodalizi per conquistare le poltrone di comando. Lotte fratricide che si spengono puntualmente ad elezione avvenuta. Anche quest'anno il copione si è confermato, ma con una variante: si è passati alla diffamazione gratuita nei confronti della nostra associazione, ecco perché anche questa nostra.

Circa un mese fa, prima delle elezioni all'Inpgi, un gruppo di colleghi "pro ordine", aderenti ad un gruppo su facebook (giornalisti italiani su facebook), crediamo su commissione (non è la prima volta che accade!), ci ha attaccati pesantemente minacciandoci di deferirci all'ordine, accusandoci di essere illegali, e usando nei nostri confronti parole di scherno e gravemente offensive. Siamo stati così costretti a rivolgerci ai nostri legali per tutelare il nostro buon nome. Abbiamo così affidato la pratica ai nostri legali, l'avvocato Ezio Perego di Milano, dominus estensore dell'atto legale, e Francesco Canepa di Roma, domiciliatario. Non appena intrapresa l'azione legale il collega Aldo Parmeggiani ha ricevuto una lettera del Presidente dell'ordine del Trentino-AltoAdige nella quale, a nome e per conto del presidente dell'ordine nazionale, Enzo Jacopino, chiedeva informazione sulla nostra attività (allegato n° 1). Per delega di Parmeggiani, essendo il presidente dell'associazione c'è stata la risposta del sottoscritto (allegato n° 2). Dopo neanche una settimana è pervenuta una lettera di scuse nei nostri confronti dal collega Stefano Tesi, il maggiore tra i nostri denigratori (allegato n°3).

Ci siamo dilungati un po' per meglio chiarirvi la nostra posizione sullo stato dell'informazione in Italia, per informarvi doverosamente dell'accaduto e rendervi partecipi dei ringraziamenti da parte di noi tutti all'avv. Ezio Perego di Milano, per la correttezza e professionalità con cui ha operato, unitamente all'avv. Francesco Canepa di Roma per averlo coadiuvato. A Voi tutti l'orgoglio di mostrare il nostro tesserino.

Un abbraccio fraterno da parte mia e del Direttivo

Virgilio Violo ed il Direttivo della Flip

PressPool

Progetto

Progetto

- Virtual Press Office - Ufficio Stampa - Abbiamo realizzato questa Sala Stampa Virtuale per: * fornire alle aziende i supporti comunicativi essenziali alla crescita corporate,* dare una maggiore visibilità ad alcuni...

PressPool Abroad

PressPool Abroad

OUR MAIN COURSES (FOR INTERNATIONAL CUSTOMERS): PressPool Press office "main courses" (for international customers) are: * Creating press releases and case studies on target * Create and populate international websites * Web videos, pure...

Adsense XP

  PressPool p.iva 03912510967