 PressPool ufficio stampa digitale

Notice
  • Lack of access rights - File '\mambots\editors\jce\jscripts\tiny_mce\plugins\filemanager\images\ext\pdf_small.gif'
  • Lack of access rights - File '\mambots\editors\jce\jscripts\tiny_mce\plugins\filemanager\images\ext\pdf_small.gif'

”Pixion risolve il progetto “Broken Thread” (case study di Quantel)

pixion1Mumbai è la città nota la mondo come sede dell'industria cinematografica maggiore nell'India – Bollywood. Al momento la fama è centrata sulla produzione cinematografica mente presto l'industria della post di Mumbai potrà essere nota anche per la Post e il DI della casa di produzione Pixion che guida tale rivoluzione. Pixion – Prima e oggi

Oggi Pixion è la maggiore casa di post dell'India. Eppure l'azienda ha solo cinque anni.

Nata per occuparsi del mercato in forte crescita della post in India, all'inizio l'azienda puntava alla tv e la pubblicità, gli spettacoli e la grafica di stazione. L'azienda comunque ha sempre avuto l'intenzione di entrare nel business del DI e così hanno fatto alla prima opportunità.

Oggi oltre il 30% del lavoro di post dell'azienda deriva dal DI e Pixion ha anche aperto un centro di produzione per lavorare con gli effetti speciali e il 3D. Mentre un anno fa aveva 70 impiegati, oggi il numero si è ingigantito a oltre 300.

Il mercato del cinema indiano

Il mercato della produzione cinema indiana è il maggiore del mondo, perfino maggiore di Hollywood. Eppure la maggior parte degli stranieri quando pensa al mercato indiano si riferisce solo a Mumbai e a Bollywood. In effetti Bollywood è solo una parte di un'industria che serve una popolazione di oltre un miliardo di persone con film in oltre dieci differenti lingue.

Ogni anno l'ente censore indiano approva circa 800 lungometraggi e circa lo stesso numero di film più corti ‘fatti per la tv’. Dei lungometraggi circa la metà sono nelle tre lingue principali – 250 in Hindi, 100 in Tamil e 100 in Telugu.

La crescita del DI

Questa impennata nella cinematografia rende l'India il mercato in più forte crescita prospettica sul pianeta per il DI, eppure fino a tempi recenti quasi nessun film faceva uso del DI. Un anno fa l'impiego del DI era piuttosto limitato.

Molti pochi film sarebbero ricorsi a un completo DI e la gran pare avrebbe scelto il DI come percorso di recupero” dichiara Naresh Malik CEO alla Pixion.

Un solo anno dopo le cose stanno andando ben diversamente. “Oggi il DI è parte delle considerazioni di pre-produzione e non più un pensiero da affrontare dopo. Ci incontriamo con la produzione, il regista il direttore della fotografia e discutiamo di come girare al meglio le scene per massimizzare il beneficio che sie otterrà dal DI. É questo un cambio di attitudine “sismico” e siamo felici di vedere il DI che finalmente ottiene il valore che merita.” continua Malik.

pixion2

 

Pixion e Quantel

Pixion oggi dispone di tre sistemi Quantel per il DI – un Pablo 4K e due eQ HDRGB.

C'erano tre ragioni per comprare il nostro primo sistema eQ – espansione, raccomandazione e differenziazione” informa Malik. “A causa della rapida espansione dell'azienda avevamo bisogno disperatamente di nuovi apparati. Alcuni dei nostri editor utilizzavano apparati Quante di vecchia generazione e anche i nuovi sistemi presso i precedenti impieghi e continuavano a lodare queste tecnologie. Alla fine della giornata non abbiamo visto motivi validi per non dotarci ancora di altri apparati Quantel per editing / compositing. Volevamo anche dotarci di qualcosa che ci differenziasse dai nostri concorrenti di fronte ai nostri clienti. Con la sua qualità, prestazioni e set di strumenti eQ era proprio quello che cercavamo.”

Riparare “Broken Thread”

Nessun progetto spiega meglio la fiducia della Pixion nei confronti del loro Pablo quanto il completamento del film a soggetto ‘Broken Thread’. Una produzione anglo indiana originariamente finita su un altro sistema ma tenuta ferma per un anno, mentre lo script veniva ritoccato pesantemente.
Al momento di ripartire col progetto fu presa la decisione di utilizzare il nuovo Pablo per completare il film , dato che il vecchio sistema a
veva delle problematiche ad importare il vecchio progetto.

Il Conforming su Pablo si è dimostrato un sogno. Prima di Pablo il conforming era un compito faticoso, con strumenti poveri e cattive performance, che necessitava di una giornata per importare un singolo reel” dichiara il produttore di Pixion Amit Jhamb. “Con Pablo importiamo tre reel al giorno e non abbiamo mai dovuto chiedere l'assistenza del data manager”.

Il Grading è un'altra area in cui Pablo ha dato grandi risultati. “Il nostro sistema precedente doveva lavorare sul grading coi proxy e il render era molto lento. Ci voleva tutto il giorno solo per cerare i proxy per un pezzo da 90 minuti” si lamenta Jhamb.

Su Pablo possiamo effettuare il grading non compresso a 2K o 4K senza proxy e possiamo raggiungere una qualità di grading migliore e consistente in tutto il progetto.”

In India, la casa di DI che ha il contratto per il film è anche responsabile della creazione delle differenti versioni e tutti i promo collegati.

Uno dei grandi vantaggi di Pixion è stata la capacità di mandare in play out il materiale in 4K, 2K, HD & SD senza dover effettuare render o utilizzare spazio extra sui dischi.

Questa tecnologia è al tempo unica e flessibile” dice con entusiasmo Jhamb. “Si è preso cura di differenti risoluzioni, frame rate e spazi colore a passo di marcia e ci ha permesso di mandare in uscita due stampe, assieme a master HD-D5, HD-SR e Digibeta di tutto il progetto ‘Broken Thread’.”

Eppure, il migliore asso nella manica del sistema Pablo, sempre secondo Jhamb, è la sua potente performance e la sua interattività.

Pablo semplicemente brilla nelle sessioni in presenza del cliente” dice Jhamb. “L'editor e il produttore sono in grado di far vedere al cliente un montato finale a piena risoluzione del film e quando il cliente dice ‘Puoi cambiale la correzione colore di questa scena?’ oppure ‘Puoi ritoccare questa inquadratura?’, è grandioso poter dire “si” e fare tutto in minuti piuttosto che ore o addirittura giorni, come avviene su altri sistemi.”

"Il Conforming su Pabpixion1lo si è dimostrato un sogno"

Amit Jhamb, Producer


Il DI è oggi una parte importante nelle considerazioni di pre produzione e non è più qualcosa da affrontare dopo"

Naresh Malik, CEO

Una richiesta esponenziale

Pixion non riposa sugli allori e continua la sua rapida espansione con piani di raddoppiare ancora la sua forza lavoro nei prossimi 12 mesi.

L'attuale capacità del mercato indiano della post sta attualmente lottando per stare al passo con la rapida richiesta nei confronti del DI. Il fine del mercato indiano è di arrivare a lavorare in DI su circa 300 film all'anno. Per arrivarci oggi sarebbe necessario disporre di sei strutture della dimensione di Pixion, il che semplicemente non esiste” riflette Malik. “Grazie alla continua aggiunta di altre suite DI stiamo facendo del nostro meglio per assicurarci che ogni progetto che varca questa porta riceva le attenzioni che si merita.”

Questa crescita scalare ha dato dei benefici alla Pixion che ha recentemente chiuso un contratto per dieci film con un importante studio di produzione di Bollywood. “La combinazione delle nostre potenzialità scalari, talenti cerativi e tecnologie disponibili hanno permesso agli studios di essere fiduciosi nel creare delle partnership a lungo temine con noi. Questo ci dona una certa sicurezza e ci permette di pianificare il futuro del nostro business” dichiara Malik.

Modificare il modello di Outsource

L'Outsourcing è diventato uno dei business maggiori in India in tempi recenti con parecchi enti di servizi occidentali che hanno spostato i propri centri telefonici in città come Bangalore. É una tendenza che si è verificata anche nella post con diverse aziende occidentali che che hanno istituito tali servizi in questo territorio.

Sfortunatamente la gran parte del lavoro di outsourcing che arriva qui è di tipo ‘back-office’, come la rimozione dei cavi, – lavoro di routine che non richiede supervisione” spiega Malik. “Se questo modello ha funzionato per un po', ora sta arrivando al termine.

pixion3

"C'erano tre ragioni per comprare il nostro primo sistema eQ – espansione, raccomandazione e differenziazione”

Naresh Malik, CEO

Il costo della post in India è salito in modo speculare con la crescita dello standard di vita e dei costi.

L'India non può più sopravvivere solo sul vantaggio del costo inferiore.

Alla Pixion miriamo a combinare la tecnologia allo stato dell'arte coi talenti più creativi a livello mondiale per raggiungere traguardi creativi complessi, sempre in crescita.

A tal fine abbiamo aggiunto un grande reparto effetti speciali a Mumbai, stiamo aprendo un ufficio a Chennai e siamo sulla buona strada per aprire un ufficio di rappresentanza europeo con sede a Soho, Londra.”

Aggiornamento: tenersi al passo con gli sviluppi in un'azienda che si evolve così in fretta non è cosa facile. Nel tempo in cui abbiamo scritto questo report la Pixion ha acquistato un Pablo HD per impiegarlo nei progetti DI di breve e lunga durata e anche per estendere ancora di più la propria portata in area cinema a soggetto. É chiavo che la Pixion è un'azienda che brucia le tappe.

Pixion risolve il progetto “Broken Thread”


In breve

Con sede a Mumbai, la Pixion è la casa di DI più importante in India

Pixion basa il proprio workflow DI su un sistema Quantel Pablo 4K e due eQ HDRGB DI sempre di Quantel

Alla Pixion stanno rapidamente aumentando la produzione di film per far fronte alla forte richiesta di Bollywood nei confronti del Digital Intermediate

Il sistema Pablo 4K è stato impiegato per il grading, il conform, e il versioning del film ‘Broken Thread’

Alla Pixion tutti sono rimasti molto impressionati dalla velocità del sistema, la versatilità e la qualità d'immagine.

pixion4

 

"Pablo risplende nelle sessioni in presenza del cliente. É grande poter dire “si” ai clienti e in pochi minuti fare cose che richiederebbero ore o anche giorni su altri sistemi"

pdf pixioncasestudyita 430.46 Kb 

Il file pdf allegato, impaginato sull'originale inglese contiene le seguenti immagini:

* Il CEO della post produzione Pixion Naresh Malik

* immagini dal progetto “Broken Thread”

* L'artista al Finishing Sanjay Chavan dietro uno degli eQ di Pixion

* Sumanth E David, Rajiv Sundarraju, Sanjay Chavan, Amit Jhamb e Manu Moses

* L'artista di finishing Rajiv Sundarraju nella suite per la correzione colore allestita con Pablo 4K

* L'Artista al Finishing Sumanth E David dietro a uno degli eQ di Pixion

 

 quantel_picon.gif


Informazioni su Quantel™

Quantel si dedica alla creazione dei più potenti ed efficaci strumenti per la creazione di contenuti e la produzione nell’era digitale. I sistemi Quantel sono sintesi della potenza più elevata sul mercato e totale scalabilità sia hardware sia software nelle aree della post produzione, la grafica, il digital intermediate, la produzione di news e sport per ambienti e flussi di lavoro collaborativi in multi-risoluzione.


Distribuita in Italia da Video System Engineering

Via Aosta 23 Milano

t. 02 33107449 f. 02 33107516

\n Maurizio.balzarotti @ vse.it Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Sito Web www.quantel.com/italia

Ufficio Stampa www.PressPool.it

 

PressPool

Progetto

Progetto

- Virtual Press Office - Ufficio Stampa - Abbiamo realizzato questa Sala Stampa Virtuale per: * fornire alle aziende i supporti comunicativi essenziali alla crescita corporate,* dare una maggiore visibilità ad alcuni...

PressPool Abroad

PressPool Abroad

OUR MAIN COURSES (FOR INTERNATIONAL CUSTOMERS): PressPool Press office "main courses" (for international customers) are: * Creating press releases and case studies on target * Create and populate international websites * Web videos, pure...

Adsense XP

  PressPool p.iva 03912510967